Cioccolato

Il cibo degli Dei” ed immenso tesoro già del popolo Maya oltre 2500 anni orsono

 

Le tavoletTE che abbiamo scelto per voi e…..per noi:

Alle Nocciole
Alle Mandorle ricoperte
Con scorzette di Arancia
Al sale Dolce di Cervia
Al Caffè
Allo Zenzero
Alla Cannella
Alla Menta
Al Limone


Preparati per cioccolata in tazza

Fondente   –      Peperoncino
Gianduia    –      Cannella

 

 

 

Tipi di cioccolato


Il “Cioccolato” è un prodotto costituito da cacao in percentuale non inferiore al 35% e con almeno un 18 % di burro di cacao.

Esistono diversi tipi di cioccolato

  1. Cioccolato “base”: come già detto deve contenere non meno del 35 % di cacao, di cui almeno il 18 % di burro di cacao, e non più del 65 % di zucchero;
  2. Cioccolato fondente extra: contiene cacao di qualità superiore in quantità non inferiore al 45%, di cui almeno il 28% di burro di cacao e non più del 55% di zucchero;
  3. Cioccolato fondente: contiene non meno del 43 % di cacao di media qualità, di cui almeno il 26 % di burro di cacao, e non più del 57 % di zucchero;
  4. Cioccolato bianco: contiene almeno il 20 % di cacao, zucchero e latte in polvere;
  5. Cioccolato al latte: è una miscela di pasta di cacao, burro di cacao, zucchero e latte intero. Il cioccolato al latte si divide a sua volta in:
  6. cioccolato al latte con non meno del 25 % di cacao, del 3,5 % di grasso di latte e del 14% di sostanza solida derivata dal latte, non oltre il 55 % di zucchero;
  7. cioccolato comune al latte, che ha una percentuale inferiore di cacao;
  8. Cioccolato al latte magro: è una miscela di pasta di cacao, burro di cacao, zucchero e latte magro (in questo caso sulla confezione si deve specificare ”cioccolato al latte magro”);
  9. Cioccolato amaro: non deve contenere coloranti, con latte parzialmente scremato non superiore al 10%.
Valori nutrizionali


CioccolatoValori1Considerando un contenuto medio di burro di cacao del 54%, di seguito viene riportato il contenuto dei nutrienti riferiti a 100 gr. di pasta di cacao.
Il burro di cacao contenuto nel cioccolato è costituito in prevalenza da acido stearico ed acido oleico. Studi mostrano che i grassi alti in acido stearico sono significativamente meno colesterolemici e arteriogenici di altri grassi e sempre grazie all’alto contenuto di acido stearico l’assorbimento del burro di cacao è molto ridotto. Inoltre l’unicità di questo acido è collegata al fatto di avere un effetto neutrale sulla colesterolimia.
E’ dimostrato che il cacao, sia crudo che fermentato, ha un alto contenuto di antiossidanti e minerali.

  • Calorie (kcal) 513.25
  • Proteine 10.82
  • Cal. da grassi (Kcal) 451.98
  • Potassio (mg) 1023.8
  • Grassi (g) 54
  • Sodio (mg) 3.24
  • Grassi saturi (g) 30.02
  • Calcio (mg) 91.36
  • Grassi polinsaturi (g) 1.62
  • Ferro (mg) 13.52
  • Grassi monoin. (g) 17.70
  • Fosforo (mg) 423.88
  • Colesterolo (mg) 0
  • Magnesio (mg)314.17
  • Carboidrati 31.61
  • Zinco (mg) 4.29
  • Fibra alimentare 15.75
  • Manganese (mg) 2.57
  • Zuccheri 1.01
  • Acqua (g) 0.63
“Un po’ di cioccolato allunga l’esistenza”


TipoCioccolato1Fa bene al cuore, abbassa la pressione e contiene antiossidanti; da preferire il fondente, ha le proprietà del vino rosso.
“Il cioccolato fa bene al cuore. A provare scientificamente ciò sono stati svolti alcuni studi scientifici. Il primo è stato pubblicato sul “Journal of the American Medical Association”: si tratta di 13 adulti, con età compresa fra i 55 e 64 anni, e tutti affetti da ipertensione moderata.
La scelta è stata di sottoporli ad un inedito, e non molto doloroso, esperimento: mangiare barrette da 84 grammi di cioccolato ogni giorno per due settimane. Durante questo periodo il gruppo è stato diviso in due: per alcuni si trattava di cioccolato fondente, per gli altri di cioccolato al latte.
Al termine della fase di osservazione è arrivata la sentenza: il cioccolato al latte aveva lasciato sostanzialmente immutata la pressione del sangue, mentre quello fondente aveva contribuito a diminuirla in maniera significativa – facendo calare nel giro di dieci giorni la massima di cinque punti e la minima di due punti – con benefici per il sistema cardiaco.
A fare la differenza è stato il polifenolo: una sostanza contenuta nel cioccolato fondente ed alla quale in medicina si attribuiscono anche le doti benefiche per la salute che possiede il vino rosso. L’obiettivo e proseguire gli studi per tentare di arrivare ad ottimizzare gli effetti del cioccolato al fine di riuscire a trasformarlo nel garante dei valori medi della pressione del sangue: 120 massima, 80 minima.
Ad arrivare ad una conclusione analoga a quella dell’Università di Colonia è stato un team di studiosi dell’Istituto nazionale di ricerca sul cibo e la nutrizione di Roma e dell’Università scozzese di Glaslow che hanno pubblicato su “Nature” una ricerca secondo la quale la differenza fra il cioccolato al latte e quello fondente dipende dal fatto che le proteine del latte impediscono all’organismo di assorbire le sostanze antiossidanti contenuto nel cioccolato ovvero i flavonoidi, presenti anche in frutta e verdura.

Robert Eckel, presidente della commissione sul metabolismo e l’attività fisica dell’Associazione cardiaca americana, ha detto: “non bisogna dimenticare il fatto che il cioccolato resta pur sempre del cioccolato per quanto riguarda la composizione dei grassi ed anche se il cacao può avere delle proprietà benefiche abbiamo sull’altro piatto della bilancia degli effetti calorici che possono annullare tali benefici”.

(“La Stampa” di giovedì 28 agosto 2003)

Orario

Lun:9.00-13.00, 15.00-19.30
Mar:9.00-13.00, 15.00-19.30
Mer:9.00-13.00, 15.00-19.30
Gio:9.00-13.00, 15.00-19.30
Ven:9.00-13.00, 15.00-19.30
Sab:9.00-13.00, 15.00-19.30
Dom:chiuso

Negozio

Via Porta Nova, 7/a - Bologna
Tel/Fax: 051.222564

Articoli recenti

Contattaci

 Nominativo

 Indirizzo Email

 Recapito telefonico

 Testo del messaggio

  Accetta la normativa sulla Privacy

Inserisci il codice e premi il pulsante
captcha

Powered by: web marketing bologna social media bologna